Facebook

THE VARIABLE

PREMI NEW YORK Dénouement Film Festival 2013: Vincitore del premio come miglior film GARGANO FILM FESTIVAL 2013 Menzione speciale della giuria per gli alti valori etici e sociali, riguardanti il dramma della disoccupazione, espressi dal film L’INCOGNITA, diretto da Enrico Muzzi MAKAR FEST (Catania, Italy) Miglior attore protagonista: Silvano Cavallina “L’incognita” di Enrico Muzzi “Capace di esprimere l’ incertezza del proprio ruolo nella società, in un mix di emozioni contrastanti, che travolgono inesorabilmente la vita del protagonista.” GARGANO FILM FESTIVAL 2013 Miglior attore protagonista: Silvano Cavallina “L’incognita” di Enrico Muzzi “Per la grande capacità interpretativa nel rendere il dramma contemporaneo della perdita del lavoro, e delle conseguenze psico-esistenziali”  L’incognita è la storia di Silvano, un uomo di mezza età che perde il lavoro e si trova improvvisamente “fuori dai giochi”. Silvano si rende conto che la sua età e il suo bel curriculum, fatto in anni di duro lavoro, rappresentano più un ostacolo che un vantaggio nella ricerca di un nuovo impiego. Non sembrano esserci molte opportunità per lui, specialmente in un momento di crisi come quello che stiamo affrontando. Silvano ha però una famiglia da mantenere e delle spese da onorare, non può certamente darsi per vinto. Nonostante i suoi sforzi non riesce ad intravedere la luce alla fine del tunnel e crolla nello sconforto più totale. AWARDS NEW YORK Dénouement Film Festival 2013: Winner of the “Best Picture Award” GARGANO FILM FESTIVAL 2013 Special Jury Award / Special Mention  for the high ethical and social values​​, about the tragedy of unemployment, expressed from the movie “The Variable”, directed by Enrico Muzzi MAKAR FEST (Catania, Italy) Best actor: Silvano Cavallina “The Variable” by Enrico Muzzi “Capable to express the uncertainty of  his role in society, in a mix of conflicting emotions, which inevitably overwhelm the protagonist’s life.” GARGANO FILM FESTIVAL 2013 Best actor: Silvano Cavallina “The Variable” by Enrico Muzzi “For the great interpretative ability in making the contemporary drama of loss of employment, and the psycho-existential consequences.” “L’incognita” (The Variable) is a story about a middle-aged man who loses his job and can no longer manage to get back on track again. As he uselessly looks around for a new employment, Silvano realizes that his age and his spotless resume, built over years of commitment, now hardly work to his benefit. It does not look like there are many options left for him, especially right in the middle of such a major economic crisis. Still, Silvano has got a family to provide for and dues to pay and cannot allow himself to just let go. Regardless his efforts though, there is no light at the end of the tunnel for him apparently and he eventually breaks down in total dismay. Then he starts thinking about his life insurance policy and begins to fiddle with the idea of killing himself in order to grant a decent life to his family. Something unexpected will make him change his mind. dal film “L’incognita” dal film “L’incognita” dal film “L’incognita” dal film “L’incognita” dal film “L’incognita” dal film “L’incognita” dal film “L’incognita” dal film “L’incognita” DIRECTOR’S NOTES L’Incognita is about the uncertainty of our place, our role in society. The future represents an unknown variable and it gets harder and harder to picture yourself a few years ahead. It’s about the lack of certainties in people like Silvano, left jobless and without a chance to make it back on top. That’s the big X in an almost unsolvable equation. I decided to make this film because I felt present times demanded it. L’incognita could be about any one of us, it is a picture of an important moment in history, that I tried my best to portray with respect and awareness. REVIEWS Farespettacolo.it Il giornale Italo Americano Oubliette Magazine PRESS BOOK DOWNLOAD BACKSTAGE TRAILER Silvano si ricorda della polizza vita che aveva stipulato tre anni prima e comincia a prendere in considerazione l’idea del suicidio per assicurare alla famiglia una vita dignitosa. Qualcosa di inaspettato cambierà i suoi piani. dal film “L’incognita” dal film “L’incognita” dal film “L’incognita” dal film “L’incognita” dal film “L’incognita” dal film “L’incognita” dal film “L’incognita” dal film “L’incognita” LA PAROLA AL REGISTA L’incognita è un film sull’incertezza della propria posizione, del proprio ruolo in questa società. E’ l’incognita sul futuro, sull’incapacità di vedersi di qui a qualche anno. E’ la mancanza di sicurezze dei personaggi come Silvano che si ritrovano senza lavoro e senza la possibilità di poter tornare “in sella”. Questa è l’incognita…una grossa X all’interno di un’equazione quasi irrisolvibile. Ho sentito la necessità di fare questo film perché il tempo lo imponeva. L’incognita è una storia che tocca tutti noi, una fotografia su un tempo storico importante che ho deciso di trattare con rispetto e sensibilità. RECENSIONI Farespettacolo.it Il giornale Italo Americano Oubliette Magazine SCARICA IL PRESS BOOK BACKSTAGE TRAILER...

GARBAGE

Garbage is a playful tribute to B-movies. Pulp genre clichés and conventions are stretched to the extreme. Here Enrico wears a self-mocking smile: Garbage, as the title might suggest, is…rubbish!  PLOT Garbage is the story of a hit man seeking redemption, trying to make a fresh start and a clear cut with his criminal life and his bloody past. Now that there is a woman in his life, he decides to change out of love. Unfortunately, this also makes him an easy target for those who still want to exploit him for their dirty plans. Two psycho brothers and local mob bosses kidnap his woman and blackmail him to take on one last job. There’s nothing he can do but accept – This time though, it could be too much even for him. He doesn’t simply have to murder someone, not just any man…but the King himself, a merciless and bloodthirsty man ruling over the whole city. It is a suicide mission. He will accept the job aware that, even if he ever managed to make it, his loved one and him shall never be safe again. BACKSTAGE  TRAILER SEE THE...

LA CHANCE

La Chance is a film-documentary about love. A number of men and women were interviewed and to each we asked the same questions: What is love? – What does “I love you” mean to you? – What cannot be missing in a relationship? and so on. As expected, we came up with a bunch of clashing opinions, well depicting how much our expectations can vary from each other. This gallery of feelings and desires stresses our differences, spurs us to question ourselves about love but avoiding any dogmatic approach which might shut out our opportunity to meet the Other. That’s the chance – the opportunity to understand, to put aside bias and certain idealisms and open up ourselves to listening instead. We were actually struck by some answers in the interviews, so much that we decided to insert some fictional parts at the end of each sequence, based on the points of view of the inteviewees, in order to give shape and sound to their own elaboration on the matter of love. All in all, La Chance is at once odd and ambitious project, as it attempts to investigate on the most hidden aspects of love from a fresh perspective.   dal fllm “La chance” dal fllm “La chance” dal fllm “La chance” dal fllm “La chance” dal fllm “La chance” DIRECTOR’S NOTES I have always thought that each one of us, be it out of differing culture, historical time period, education and personal experience, grows her very own conviction about love. We know that already, but the issue to me arises when such conceptions sediment long enough to often turn into dogmas. As if there were only one kind of love, as if only one way to interpret it existed. Each one of us holds on to his own truth, expectations and ideals and yet should not forget about the Other and his or her demands… which are as rightful as ours. I wanted to gather interviews in order to allow people to face themselves and, at once, to relate to others. A way to listen to oneself and to the other. This is the chance to let ourselves out of the box of biased mindsets which reduce the complexity of our emotions to a common place. Let each one choose his own chance BACKSTAGE SEE THE MOVIE La chance è un film/documentario sull’amore. Sono state intervistate diverse persone (uomini e donne) e a ciascuno abbiamo posto le stesse domande: “ Cos’è l’amore?” – “Cosa vuol dire per te “TI AMO”? – “Cosa non può mancare in un rapporto di coppia?” ecc… Quello che abbiamo ottenuto è ovviamente un insieme di pareri contrastanti che sottolineano quanto le nostre aspettative in amore siano diverse. Un modo dunque per rimarcare le nostre differenze e cominciare a metterci in discussione, senza pensare all’amore in maniera troppo dogmatica e giocarci così l’opportunità di incontrare l’Altro. Questa è la chance – Una chance d’intendimento dunque, un’opportunità per mettere da parte certi preconcetti o certi idealismi e per aprirsi all’ascolto. Le interviste e i concetti che sono stati sviluppati in seguito alle nostre domande, ci hanno molto colpito e abbiamo allora deciso di inserire delle parti di “fiction” a conclusione di ogni sequenza di interviste. Questi episodi filmici prendono corpo dalle idee e dalle posizioni di certi intervistati e propongono risvolti interessanti delle loro elaborazioni in materia d’amore. La Chance è un progetto anomalo e ambizioso che cerca di trattare il tema dell’amore nei suoi aspetti più nascosti. dal fllm “La chance” dal fllm “La chance” dal fllm “La chance” dal fllm “La chance” dal fllm “La chance” LA PAROLA AL REGISTA Ho deciso di affrontare questo tema perché ho sempre pensato che ciascuno di noi, vuoi per differenze culturali, per tempi storici diversi, per differenti educazioni e diverse esperienze personali, abbia maturato una propria idea dell’amore. Fino a qui nulla di strano ma ho anche notato che spesso queste idee sedimentavano così a lungo da rischiare di diventare dogmatiche. Come se l’amore fosse uno e uno soltanto, come se esistesse un solo modo di intenderlo. Ciascuno di noi ha la sua verità, le sue aspettative e i suoi ideali ma non deve (a mio avviso) scordarsi dell’Altro e delle sue richieste…legittime quanto le nostre. Ho voluto mettere insieme tutte queste interviste per porre le persone dinanzi a sé stesse e allo stesso tempo in relazione con gli altri. Un modo per ascoltarsi e ascoltare. Questa è la chance per non chiudersi in una logica precostituita che pretenda di ridurre la complessità delle nostre emozioni ad un banale luogo comune. Che ciascuno possa cogliere la sua chance. BACKSTAGE GUARDA IL...

CONFESSIONS OF A COWARD

Confessions of a Coward is the first indipendent short made by Enrico – it was made in 2005 in collaboration with Elenfant Film, Bologna. The film is based on Charles Bukowski’s short stories, from a collection of which the film takes its title. The film draws inspiration particularly from the short story “The Suicide”.   Confessioni di un codardo è il primo cortometraggio indipendente realizzato da Enrico Muzzi nel 2005, in collaborazione con la Elenfant Film di Bologna. Il film è liberamente ispirato ai racconti dello scrittore Charles Bukowski, contenuti nell’omonimo libro. In particolare, il film si ispira al racconto breve dal titolo “Il suicida”. PLOT Henry is a broken man drowning in booze and self-loathing, living his marginal existance at the edge of a society he denies, in which he cannot fit and to which he refuses to adjust. His days run smooth like a shot of the good one, careless of time passing by. His only true passion, the only thing that keeps him alive, is writing. Writing about that apparently worthless life of his – about those neighbourhoods, as worn-out and miserable as his soul is – For some reason, by jotting down ink on paper he can somehow find the will to carry on… while he helps himself to one more glass. Regardless what it looks like, Henry proves to be a deep and bright thinker whose mind unfortunately begins to waiver while the thought of suicide grows stronger and stronger in his head. An unexpected encounter with a woman is going to change dramatically both their destinies. The choice for this film was black and white and 4:3. The only other visible colour is blue. Blue like the soul of the main character, forever hanging low, caught between reality and his own obsessions. The soundtrack follows suit and we are lead to the tune of blues into Henry’s borderline experiences in slums populated by deranged misfits. A blue film revolving around his gloomy and bohémien main character.   BACKSTAGE SEE THE MOVIE TRAMA Henry è un uomo dedito all’alcol e all’autodistruzione che vive la sua esistenza ai margini di una società che rinnega e nella quale si rifiuta di “trovare il suo posto”. Le sue giornate scorrono lisce come un bicchiere di Bourbon, come se il tempo non avesse valore. L’unica vera passione, ciò che forse riesce ancora a tenerlo in vita è: Scrivere. Scrivere di quella vita senza apparente valore, di quei sobborghi logori come la sua anima, come se tramite la sua penna riuscisse a trovare quella valvola di sfogo che gli permette di andare avanti…tra un bicchiere e l’altro ovviamente. Henry, nonostante le apparenze è un uomo profondo e dotato di grande intelligenza. La sua mente però comincia a vacillare e dentro di sé si fa sempre più largo l’idea del suicidio. L’incontro casuale con una donna sconvolgerà però i destini di entrambi. Il film è stato girato volutamente in bianco e nero e in formato 4:3. L’unico colore presente e visibile all’interno del film è il blue. Blue come l’animo del protagonista, perennemente in bilico tra la realtà e le sue ossessioni. Anche la scelta musicale è stata fatta in questo senso; è infatti il blues la colonna sonora che ci conduce con il protagonista all’interno delle sue vicende “border line”, che ci guida alla scoperta di ambienti degradati e di personaggi ai margini della società. Un film Blue dunque, malinconico e romantico come il suo protagonista. BACKSTAGE GUARDA IL...

MY SHOWREEL

MY SHOWREEL